Autenticazione



3D Il Giornale

Newsletter

  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 31 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 24 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 17 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 10 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 19 Giugno 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 05 Giugno 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Mercoledì 28 Maggio 2008

Cerca

PDF Stampa E-mail
AERONAUTICA MILITARE
CONSIGLIO CENTRALE DI RAPPRESENTANZA
DELIBERA N. 2
OGGETTO: Riallineamento Marescialli DDL 2190 - Emendamento n° 6.0.1
IL COCER AM:
Sin dal proprio insediamento ha posto l'esigenza (ben 8 Delibere) di una soluzione Politico/Amministrativa in merito all'avanzamento al Grado Superiore 1° M.llo Lgt. per quel gruppo di colleghi immessi in Forza Armata con un sistema di arruolamento ed avanzamento, su un Modello di Difesa, successivamente rivisto con grave pregiudizio delle aspettative di carriera futura.
Contestualmente, è stata altresì evidenziata l'imbarazzante mancanza di trasparenza amministrativa e sfiducia dei colleghi alle valutazioni di avanzamento prive di dati oggettivi verificabili ovvero dei criteri di valutazione preconosciuti che sottendono ad una Valutazione Comparativa seria.
Al fine di non penalizzare oltremodo i suddetti colleghi, sono state avanzate delle proposte volte alla valorizzazione dell'anzianità attraverso un punteggio incrementale sulla base delle valutazioni già effettuate. Per altro, il citato suggerimento, abbozzato in esordio da questo Consiglio, è stato fatto proprio da altre amministrazioni del Comparto Difesa come evidenziato dagli stessi tecnici di SMD in un incontro di Aprile 2010.
In via politica è stato appoggiato il DDL 934 "TORRI-MURA", unico Disegno di Legge teso ad una sanatoria politica/amministrativa della tormentata questione.
CONSIDERATO: che questo Consiglio nonché il Co.Ce.R. Interforze nel corso dell'Audizione al Senato sul DDL 934 ha espresso parere favorevole alla sanatoria politica;
TENUTO CONTO: della Manovra Finanziaria (L.122/2010) che tra le altre cose (blocco automatismi stipendiali, omogeneizzazione, Assegno Funzione, ecc.) ha destinato altrove i soldi allocati precedentemente e con tanto sacrificio per il "Riordino delle Carriere nonché del Riallineamento";
PRESO ATTO: del DDL 2190 "Disposizioni in materia di riordino della disciplina del reclutamento, dello Stato Giuridico e dell'Avanzamento del Personale Militare, in discussione alla Camera Commissione Difesa;
CONSIDERATO: l'Emendamento 6.0.1. al DDL 2190 che riprende il DDL 934 e fa propri i sacrifici richiesti dalla Manovra Finanziaria specificando che trattasi di emendamento senza "oneri finanziari";
PRESO ATTO: del prosieguo del dibattito parlamentare (resoconto sedute Commissione Difesa Senato n. 166, 177, 180 - XVI Legislatura) nel quale talune forze politiche hanno ancora dei dubbi circa l'opportunità di portare a termine il "Riallineamento" nonostante non ci sia carico finanziario;
CONSIDERATO: che nel caso l'Emendamento 6.0.1. DDL 2190 non fosse approvato la prossima occasione per sanare la problematica è rimandata senza alcuna giustificazione plausibile a tempo indeterminato,
DELIBERA

1. di sostenenere l'Emendamento 6.0.1. oltre le ragioni che ne sottendono la ratio;
2. di richiedere un'audizione in merito al DDL 2190 - "Disposizioni in materia di riordino della disciplina del reclutamento, dello stato giuridico e dell'avanzamento del personale militare" - in discussione alla Camera Commissione Difesa alla Commissione Difesa Camera, peraltro,
come già avvenuto con la Commissione Difesa Senato sul DDL 934;
3. di inviare la presente Delibera a stralcio verbale al Sig. Ministro della Difesa, ai Presidenti della 4^ Commissione Difesa della Camera e del Senato e loro membri, al Capo di SMD, ed infine ed Comparto Difesa, ed al Co.Ce.R. Interforze, affinché sia calendarizzata immediatamente la
discussione.

Presenti e votanti: 6
La presente delibera viene approvata all'unanimità.

Roma, 10 Febbraio 2011

IL SEGRETARIO (1° Av. Capo Scelto Salvatore NICOSIA)
IL PRESIDENTE (T. Col. Guido BOTTACCHIARI)

************************************

AERONAUTICA MILITARE
CONSIGLIO CENTRALE DI RAPPRESENTANZA
DELIBERA N. 4

OGGETTO: Esclusione degli istituti stipendiali "meritocratici" dei militari dal blocco del tetto retributivo di cui all'art. 9 comma 1 e 21 del Decreto legge 78/2010, cosi come convertito in legge 122/2010.

Il CO.CE.R. AM:

PRESO ATTO : che a seguito del blocco contrattuale sancito dalla manovra finanziaria per il 2011 si è resa necessaria per i Comparti del Pubblico impiego una regolamentazione della corresponsione degli istituti connessi alla valorizzazione della produttività e delle "performance" professionali;
APPURATO: che tale proposito che si è tradotto in una formale intesa della Presidenza del Consiglio dei Ministri con le parti sindacali in data 04 febbraio 2011, il cui oggetto è titolato "Intesa per la regolazione del regime transitorio conseguente al blocco del rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro nel pubblico impiego";
CONSIDERATO: che le peculiarità e la specificità del sistema retributivo del comparto sicurezza e difesa, rischierebbero di tradursi nuovamente "in una maggiore penalizzazione" per gli appartenenti al Comparto, poiché l'esclusione dall'applicabilità dell'accordo disciplinato dal Decreto legislativo 165/2001, non consentirebbe al personale militare di conseguire nessun incremento "premiale";
RITENUTO: che l'esclusione di tali meccanismi "premiali" nel Comparto sicurezza e difesa erano stati scientemente giustificati e ridimensionati nell'applicazione, proprio in ragione della corresponsione di emolumenti collegati alla prestazione di "servizio senza demerito", che da sempre hanno costituito il principale strumento per retribuire la maggiore produttività e professionalizzazione;
CONSIDERATO: che il perdurare del blocco triennale della corresponsione degli emolumenti "premiali" legati alla "prestazione del servizio senza demerito" nell'ambito del comparto sicurezza e difesa, amplierebbe la penalizzazione che la specificità del Comparto ha già subito, e continuerebbe ulteriormente a subire, rispetto al rimanente Pubblico Impiego alla luce delle disposizione introdotte dalla recente manovra finanziaria, stante la peculiarità di tali istituti retributivi;
APPURATO: che gli istituti retributivi del personale appartenente al comparto sicurezza e difesa che vengono corrisposti in maniera premiale quale "prestazione del servizio senza demerito" investono tutto il personale di ogni ordine e grado e precisamente si risolvono nell'attribuzione di un assegno funzionale a favore del personale militare graduato e sottufficiale, oltre un assegno di omogeneizzazione per il personale ufficiale;
RITENUTO: che tali considerazioni hanno trovato più volte riscontro sia nella volontà governativa e sia negli intendimenti delle Amministrazioni interessate, le quali hanno sempre messo in evidenza come la specificità e la peculiarità del sistema retributivo dei militari e delle forze di polizia è strutturata in maniera tale da non consentire una applicazione delle norme portate dalla manovra finanziaria senza accettare la causazione di effetti irragionevoli, sperequanti e oltremodo penalizzanti, anche rispetto alle finalità volute dal Legislatore;
APPURATO: che il perdurare di tale situazione è vissuta dal personale quale momento di profondo sconforto e crescente demotivazione,

DELIBERA

1. di chiedere al Capo di SMA, di farsi portavoce presso il Capo di SMD e presso i competenti organi di Governo, affinché si provveda, anche per le causali esposte in delibera, ad escludere dal "tetto retributivo" la corresponsione degli istituti retributivi premiali a favore dei militari intimamente legati alla prestazione del servizio senza demerito;
2. di inviare la presente delibera a stralcio verbale, al Capo di SMD, al Presidente del Co.Ce.R. Interforze, oltre alle Autorità politiche che i citati Vertici militari riterranno di volere partecipare.

Presenti e votanti: 6
La presente delibera viene approvata all'unanimità.

Roma, 10 Febbraio 2011

IL SEGRETARIO (1° Av. Capo Scelto Salvatore NICOSIA)

IL PRESIDENTE (T. Col. Guido BOTTACCHIARI)

Le droghe sono cari, è per questo che alcuni pazienti non possono comprare le medicine di cui hanno bisogno. Tutti i farmaci di sconto risparmiare denaro, ma a volte le aziende offrono condizioni migliori rispetto ad altri. Circa il venti per cento degli uomini di età compresa tra 40 e 70 non erano in grado di ottenere l'erezione durante il sesso. Ma non è una parte naturale dell'invecchiamento. Questioni come "Comprare kamagra oral jelly 100mg" o "Kamagra Oral Jelly" sono molto popolari per l'anno scorso. Quasi ogni adulto conosce "kamagra 100mg". Le questioni, come "Comprare kamagra 100mg", si riferiscono a tipi diversi di problemi di salute. In genere, avendo disordine ottenere un'erezione può essere difficile. Prima di prendere il Kamagra, informi il medico se si hanno problemi di sanguinamento. Ci auguriamo che le informazioni qui risponde ad alcune delle vostre domande, ma si prega di contattare il medico se si vuole sapere di più. personale professionale sono esperti, e non saranno scioccati da tutto ciò che dici.

 
Sostieni anche tu l'informazione del portale A.Mi.D. effettuando una donazione volontaria.