Autenticazione



3D Il Giornale

Newsletter

  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 31 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 24 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 17 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 10 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 19 Giugno 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 05 Giugno 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Mercoledì 28 Maggio 2008

Articoli correlati

Cerca

PDF Stampa E-mail

 

 

alt

Ad un mese dal lancio della Campagna “Io riattivo il lavoro” per la raccolta di firme a sostegno della legge di iniziativa popolare sulle aziende sequestrate e confiscate, i promotori (CGIL, Arci, Acli, Avviso Pubblico, Centro Studi Pio La Torre, Legacoop, Libera, Sos Impresa) scrivono ai candidati alla presidenza del Consiglio e a tutti gli schieramenti politici affinché nella prossima legislatura venga assunto ''l'impegno a portare in parlamento la discussione sulla legge di iniziativa popolare, per favorire l’emersione dalla illegalità e la tutela dei lavoratori delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata, che sono un bene di tutti”.

Le droghe sono cari, è per questo che alcuni pazienti non possono comprare le medicine di cui hanno bisogno. Tutti i farmaci di sconto risparmiare denaro, ma a volte le aziende offrono condizioni migliori rispetto ad altri. Circa il venti per cento degli uomini di età compresa tra 40 e 70 non erano in grado di ottenere l'erezione durante il sesso. Ma non è una parte naturale dell'invecchiamento. Questioni come "Comprare kamagra oral jelly 100mg" o "Kamagra Oral Jelly" sono molto popolari per l'anno scorso. Quasi ogni adulto conosce "kamagra 100mg". Le questioni, come "Comprare kamagra 100mg", si riferiscono a tipi diversi di problemi di salute. In genere, avendo disordine ottenere un'erezione può essere difficile. Prima di prendere il Kamagra, informi il medico se si hanno problemi di sanguinamento. Ci auguriamo che le informazioni qui risponde ad alcune delle vostre domande, ma si prega di contattare il medico se si vuole sapere di più. personale professionale sono esperti, e non saranno scioccati da tutto ciò che dici.

All'attenzione dei candidati alla Presidenza del Consiglio e alle relative coalizioni

Nel corso di questi anni è cresciuta nel paese la consapevolezza che la presenza della criminalità organizzata e delle Mafie nell'organizzazione sociale, in quella produttiva e finanziaria, e nelle istituzioni, rappresenti un vero e proprio cappio al collo che strangola il paese. L'illegalità economica condiziona in maniera negativa le nostre prospettive di sviluppo sul piano economico, civile e democratico.

La Banca d'Italia, la Direzione Nazionale Antimafia e la Corte dei Conti, nei loro studi più recenti, stimano in oltre 200 Miliardi di Euro l'anno gli affari delle Mafie, con oltre 80 miliardi di utili al netto degli investimenti, e in 60 Miliardi annui il peso che la Corruzione esercita sui costi della Pubblica Amministrazione.

Questo fenomeno, oltre a rappresentare una quantità di risorse che se recuperate potrebbero garantire un utile e consistente processo di investimenti produttivi, e quindi nuove opportunità di lavoro, incide pesantemente nella vita democratica e spinge le imprese sane verso un processo di emarginazione a vantaggio di un sistema illegale che mortifica le prospettive di crescita.

Dentro questo contesto è cresciuto, nel corso degli anni, il fenomeno delle aziende sequestrate e confiscate alle Mafie. Un fenomeno che riguarda 1663 aziende e 80000 lavoratori, coinvolti loro malgrado, da  processi che  determinano sostanzialmente due situazioni:

ñ  prima del sequestro una condizione di sfruttamento e negazione dei diritti;

ñ  dopo il sequestro e la confisca la perdita del posto di lavoro senza che possano essere utilizzati i necessari ammortizzatori sociali. Su questo ultimo punto cogliamo l'occasione per sottolineare che la recente Legge Fornero sul Mercato del Lavoro ha abrogato la norma che disciplinava l'accesso agli ammortizzatori sociali per lavoratori esposti a problemi di ordine pubblico (ex art. 3 comma 5-bis della Legge del 23 Luglio 1991, n.223, abrogato dalla Legge 28 Giugno 2012, n.92).

Sottolineiamo, inoltre, che dall'inizio della crisi, cioè dal 2008, questo fenomeno è cresciuto del 65% e che riguarda tutte le regioni italiane.

Una situazione devastante, perché oltre ad impedire il riutilizzo legale di questi beni e del relativo potenziale produttivo, come giustamente la Legge Rognoni-La Torre aveva in maniera lungimirante individuato, veicola il messaggio pericoloso secondo il quale “con la Mafia si lavora mentre quando arriva lo Stato questa possibilità viene negata ”.

Una situazione sulla quale riteniamo si debba rapidamente intervenire.

Le ragioni che hanno determinato questo fenomeno sono molteplici, ma innanzitutto risiedono nella carenza della azione legislativa, che invece di far leva sulla straordinaria esperienza condotta dalle associazioni antimafia, dalle organizzazioni sindacali e da alcune associazioni di impresa, non  rende disponibili, come sarebbe necessario, strumenti adeguati di sostegno e di accompagnamento all'impresa con l'obiettivo di ricostruire una prospettiva di legalità produttiva. Ad oggi non sono disponibili neppure strumenti di base come il coordinamento fra gli organi dello Stato e le parti sociali che tante volte hanno consentito, nei casi ad esempio di difficoltà aziendali o di fallimenti, di trovare soluzioni nell'interesse generale e dei lavoratori coinvolti.

Di fronte a tutto ciò le scriventi Associazioni hanno ritenuto urgente e necessario lanciare una campagna di raccolta di firme per sostenere una Legge di Iniziativa Popolare che, facendo tesoro delle esperienze, colmasse i vuoti esistenti e restituisse slancio ad una azione di riutilizzo di questi beni aziendali, con la quale rafforzare la lotta alle Mafie e costruire nuove opportunità di lavoro e di economia legale.

Con questa lettera, in una fase importante per il paese chiamato a rinnovare il parlamento e a dare vita ad un nuovo governo, Vi chiediamo di esprimere condivisione di questi propositi e di assumere nella prossima legislatura l'impegno a portare in parlamento la discussione sulla Legge di Iniziativa Popolare che alleghiamo a questa nostra lettera.

In attesa di un Vostro autorevole riscontro

Cordiali Saluti

 Firmano la lettera:

 Arci, Acli, Avviso Pubblico, Centro Studi Pio La Torre, Cgil, Legacoop, Libera – associazioni, nomi e numeri contro le mafie, Sos Impresa.

 
Sostieni anche tu l'informazione del portale A.Mi.D. effettuando una donazione volontaria.