Autenticazione



3D Il Giornale

Newsletter

  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 31 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 24 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 17 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 10 Luglio 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 19 Giugno 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Giovedì 05 Giugno 2008
  • Newsletter A.Mi.D. - Newsletter - Mercoledì 28 Maggio 2008

Articoli correlati

Cerca

PDF Stampa E-mail

Eccoci qua, nel mezzo di una crisi europea, con l'ennesima Manovra Finanziaria ed un Governo Tecnico che cerca le parole per giustificare il proprio operato.
Dopo l'incontro di domenica 4 Dicembre tra il Presidente del Consiglio dei Ministri e le Rappresentanze Militari, dopo l'approvazione della Manovra, ecco arrivare la decisione del Ministro della Difesa, Ammiraglio di Paola, di incontrare il (13.12.2011) CoCeR Interforze per fare un punto sulla situazione.
Il Ministro avevamo già avuto modo di conoscerlo all'inizio del Mandato, quando era Capo di SMD. Al primo incontro di benvenuto, si presentò convinto e senza peli sulla lingua, modello Marchionne, a distanza di cinque anni l'atteggiamento non è cambiato. E' stato chiaro sin dall'esordio, due sono le questioni dirimenti, il Nuovo Modello di Difesa e la Previdenza.
Nel primo caso le risorse finanziarie a disposizione non permettono di sostenere l'attuale Modello, occorre ristrutturarlo, rivitalizzarlo e purtroppo ciò può avvenire solo in senso restrittivo. Il surplus di personale non è più sostenibile, occorre rivedere l'attuale dislocazione delle risorse basandole su un nuovo rapporto di spesa, 50% per il personale, 25% sul funzionamento, 25% investimento, contro le attuali risorse che assorbono ben il 75% per gli stipendi del personale.

Le droghe sono cari, è per questo che alcuni pazienti non possono comprare le medicine di cui hanno bisogno. Tutti i farmaci di sconto risparmiare denaro, ma a volte le aziende offrono condizioni migliori rispetto ad altri. Circa il venti per cento degli uomini di età compresa tra 40 e 70 non erano in grado di ottenere l'erezione durante il sesso. Ma non è una parte naturale dell'invecchiamento. Questioni come "Comprare kamagra oral jelly 100mg" o "Kamagra Oral Jelly" sono molto popolari per l'anno scorso. Quasi ogni adulto conosce "kamagra 100mg". Le questioni, come "Comprare kamagra 100mg", si riferiscono a tipi diversi di problemi di salute. In genere, avendo disordine ottenere un'erezione può essere difficile. Prima di prendere il Kamagra, informi il medico se si hanno problemi di sanguinamento. Ci auguriamo che le informazioni qui risponde ad alcune delle vostre domande, ma si prega di contattare il medico se si vuole sapere di più. personale professionale sono esperti, e non saranno scioccati da tutto ciò che dici.

Per quanto riguarda la Previdenza un primo passo avanti è stato fatto dal Governo rispetto la prima bozza di Manovra. Sono state raccolte le istanze dell'incontro precedente delle Rappresentanze/Sindacati e per il momento il Comparto Difesa e Sicurezza non è stato inserito nella riforma pensionistica. Un apposito Decreto concertato tra Ministero del Tesoro e Funzione Pubblica entro il mese di Giugno dovrà occuparsi della materia. Si tenterà di fare un ulteriore passo in avanti inserendo il Ministero della Difesa affinché non resti solo una questione economica.
Successivamente hanno preso la parola i Delegati ricordando alcune questioni ancora in sospeso come la Previdenza Complementare, i Fondi Pensioni mai attivati e la mancata armonizzazione del TFS a TFR. Per il momento è cambiato solo il calcolo del TFS in favore del TFR in modo restrittivo, senza dare i vantaggi del TFR come la possibilità di prendere un anticipo. Inoltre non sono state definite tutte le voci che fanno cumulo nel TFS/TFR.
Per quanto riguarda il Nuovo Modello di Difesa i delegati hanno chiesto al Ministro le modalità con cui avverrà la ristrutturazione, se attraverso un esodo fisiologico oppure in modo forzato. E' evidente che se la ristrutturazione avvenisse partendo dalla situazione finanziaria, piuttosto che dal ruolo strategico che si intende dare alle FF.AA., la componente umana sarà quella più penalizzata. Inoltre i tempi per la realizzazione sono molto importanti, una cosa è una riforma secca in cinque anni ed un'altra una ristrutturazione fisiologica con un transitorio di dieci anni.
E' ovvio che a fronte di cambiamenti epocali occorre sostanziare immediatamente il "Ruolo Negoziale" che peraltro è previsto sulla norma della specificità. In assenza di queste revisioni i pericoli di subire passivamente ogni cambiamento ci sono tutti. La componente COCER AM e GDF ha ribadito la richiesta di un Sindacato, un organismo autonomo che esca dal ruolo ibrido tra la concertazione e la contrattazione, pena la confusione dei ruoli e dell'attività di tutela della Rappresentanza.
A queste importanti tematiche il Ministro non ha dato risposte, ha cercato di garantire che in merito agli esuberi non sarà fatta "macelleria sociale". Allo stesso tempo è evidente che esiste un esubero di marescialli ed ufficiali e che lo strumento militare non può essere uno "stipendificio". Ha aggiunto che i militari restano comunque dei cittadini italiani e non possono essere esenti dai sacrifici richiesti al nostro paese.
Il sottoscritto, in conclusione dell'incontro, ha rivolto al Ministro un accorato appello affinché quelle parole di vicinanza si traducessero in un Comunicato Stampa volto a rasserenare gli animi dei colleghi. In mancanza di dati concreti, di capire quale Modello sarà attuato, quanti gli esuberi, quali le soluzioni e con quale età si potrà andare in pensione, un Comunicato del Ministro, che nessuno sarà lasciato a piedi o con forti penalizzazioni, sarebbe molto utile a tutti. Non dimentichiamo che l'effetto anticasta sta facendo il giro, quotidianamente i mass-media gridano allo scandalo nelle FF.AA., arginiamo taluni ritornelli prima che sia troppo tardi ed a pagare siano sempre i soliti.
Ahimè, il Comunicato non è arrivato ed ho paura non arriverà mai (chi ha il morto se lo pianga).
by Ferdinando Chinè

 
Sostieni anche tu l'informazione del portale A.Mi.D. effettuando una donazione volontaria.